L’elogio ariostesco di Paolo Giovio: specimen di una raccolta

di Claudia Tarallo


Il profilo che Paolo Giovio dedica a Ludovico Ariosto nella sua celebre raccolta Elogia veris clarorum virorum imaginibus apposita (Venezia, Tramezzino, 1546) è di fatto la prima biografia del poeta ferrarese approdata alle stampe. Nel breve elogio Giovio ricostruisce per sommi capi la vita di Ariosto, impiegando come fonte principale le sue Satire, ed esercita la sua perizia critica su alcuni titoli della produzione ariostesca: in particolare i Suppositi e soprattutto l’Orlando furioso. All’analisi dell’elogio è premessa una sintetica descrizione della raccolta che lo comprende.



Tratto da: Per Leggere - I generi della lettura XV - Numero 28, primavera  2015



COMPRA



Vai Su